Nicola Ratti Prontuario per giovani foglie
10.00
Compra
Artist: Nicola Ratti
Titolo: Prontuario per giovani foglie
Catalogo: MPL004
Uscita: aprile 2006
Formato: CD
Tracce: 11
Durata: 40'11"
Distribuzione: Wide Records

Tracklist
1: Via delle palme
2: Riva
3: Nuev
4: Il profumo del vetro
5: Il silenzio di Annibale
6: Insetti
7: Ponte
8: Passeig De Gracia
10: More

Press
Presentazione
Foto (col. 300dpi)
Foto (col. 300dpi)
Foto (b/n 300dpi)
Foto (col. 300dpi)
Copertina "Prontuario..." (300dpi)

Nicola Ratti

Prontuario per giovani foglie

CD MPL004 2006

Forte di una sensibilità compositiva attenta all'elettroacustica e all'assemblamento di materiali sonori, di un appassionato interesse per il suono, e di un attento lavoro di costruzione musicale, Nicola Ratti giunge all'esordio sulla lunga distanza, dopo l'ottimo ep “One day with my fishing umbrella” uscito nel settembre 2004.
In questo "Prontuario per giovani foglie" Nicola fonde manipolazioni di field recordings, tessiture di chitarra elettrica o acustica, ed una voce, in un'inusuale ed emozionante miscela, che fuga ogni riferimento al fossile cantautorale, cui il cantato italiano solitamente ricondurrebbe, ma che fa pensare piuttosto a musicisti capaci di un linguaggio personale come Dean Roberts o Vincent Gallo.
Ad accompagnare Nicola troviamo Giuseppe Ielasi, impegnato alla registrazione e come musicista (chitarra ed elettronica) in due brani e Jacopo Andreini al sax in un brano.
Un disco prezioso, fresco come il titolo che porta, da ascoltare d'un fiato!

recensioni

Rumore: L'autore viaggia nei suoi arrangiamenti rarefatti ed emotivi molto al di sopra dei diafani intimismi nu-folk ormai di maniera. Certi arpeggi delicatamente irsuti richiamano alla mente il miglior Fahey, più ancora che contemporanei come David Grubbs o Vincent Gallo. (Vittore Baroni)

Il Mucchio Selvaggio: L'attitudine e la forza emotiva sono proprio quelle di un autore di canzoni; ma anziché banalizzare la melodia, Nicola segue i percorsi più insoliti della speculazione elettroacustica. (Fabio Massimo Arati)

D di Repubblica: Emozionale. [...] Scordatevi però qualsiasi riferimento al cantautorato italiano. Qui non esiste né Battisti né De André, ma piccole tracce sonore sulle quali Nicola Ratti incastra ogni tanto parole: che, a seconda della quantità, sembrano fornire al singolo brano una struttura simile alla forma canzone. E non vi stupite se poi, come me, vi ritroverete a cantare "sono mille granelli di sabbia che ogni volta mi riportano a casa". (Giacomo Spazio Mojetta)

Blow Up: Sono variazioni sul bianco, pause, momenti di indugio e di aerea sospensione... Aspettatevi molto in futuro e intanto assaporate questo promettente inizio. (Daniela Cascella)

Rockerilla: Sentirlo evocare "Il Profumo del Vetro" con le corde del suo strumento dà i brividi, così come l'abbandono alla malinconia di "Poplo" scuote la coscienza. Ancora più significativo l'incrocio con il sax spiritato di Andreini su "Nuev" e quello con l'altra chitarra di Giuseppe Ielasi per "Il Silenzio di Annibale", magnifici esempi di un linguaggio scarno e riflessivo sulle orme di Will Oldham e Codeine. (Enrico Ramunni)

Kronic: La greve sensibilità di Il Profumo del Vetro, il tocco lieve su Via delle Palme, le piccole scosse di Riva, gli assalti al cuore del Silenzio di Annibale, complice la mano sempre più fondamentale di Giuseppe Ielasi, i tanti piccoli movimenti sotterranei che accompagnano la chitarra (Ricevi Centuplicato Quello Che Mi Fai e Poplo), poi il capolavoro di Nuev, qualcosa di troppo bello per essere descritto a parole. [...] Imponendo una letteratura musicale strettamente elitaria molto spesso si finisce per dare coloriture eccessive e schermature conseguenti a lavori che meritano un pubblico più ampio possibile: Nicola Ratti mi perdonerà, ma conoscerlo sarebbe l’unico modo per approfondire la già straordinaria portata (chissà se volutamente) pop del suo esordio. Un disco prezioso. Estremamente prezioso. (Tommaso Ottaviani)

Rockit: Onestamente in questo disco non c'ho capito niente. (Stefano Acty Rocco)


Leggi tutte le recensioni
%s1 / %s2